Cronistoria della CocainaLa cronistoria della cocaina ci dice che nel XVI secolo i conquistadores spagnoli si impadronirono del Perù e dell’immenso impero Inca e notarono che i capi delle tribù indigene godevano del privilegio di poter masticare le foglie di alcune piante, che in quelle regioni crescevano spontaneamente sotto forma di arbusti o di piccoli alberelli sempreverdi.

Erano le foglie della “pianta divina”, che ancora oggi, masticate a lungo, permettono di vincere la fame, la sete e la fatica.

L’uso delle foglie di coca, com’è stato rilevato attraverso importanti ricerche etnologiche, risale a 2.500 anni a.C., ma si suppone anche a molto prima.

Infatti recenti scoperte archeologiche hanno portato alla luce statuine d’oro appartenenti a questi popoli, che descrivono le fasi della raccolta e della lavorazione della pianta della coca.

Anche se gli Incas non furono i primi ad usare la coca, tuttavia sono responsabili dell'espansione e della regolamentazione dell’uso di questa sostanza in tutta l’America del Sud.

I conquistadores, arrivati nell’XI secolo sulla costa occidentale del continente, provenienti dalle regioni del nord e forse dalla lontana Asia, si erano insediati prima nella parte settentrionale del Perù e successivamente su tutta la cordigliera delle Ande, ovvero i territori dell’attuale Bolivia, Ecuador, parte della Colombia, Cile e Argentina.

Lì hanno assimilato l’uso della coca dalle popolazioni indigene, hanno distrutto cultura e tradizioni locali, creando nuove leggende: la coca era il dono del Dio del Sole.

In seguito l’uso si estese a tutta la popolazione, anche se mantenuto sotto stretto controllo, anche perché le piantagioni erano limitate e la produzione non poteva soddisfare la massa.

L’Occidente conobbe la coca soltanto dopo la caduta dell’impero incaico ad opera di Pedro Cieza de Leon, uno spagnolo che aveva partecipato alle campagne di conquista dell’Impero degli Incas e che, nella Cronaca del Perù (1550 – 1553), ha descritto per primo la pianta della coca e le modalità d’uso, senza peraltro credere agli effetti vantati.

Da quegli anni in poi, la cocaina si è affermata in tutto il mondo come una delle peggiori sostanze stupefacenti.

La cronistoria della cocaina evidenzia che questa droga, negli anni, si è diffusa su scala mondiale, fino ai nostri giorni, diventando un serio problema per chi ne fa uso.

Al Centro di Disintossicazione da Cocaina Narconon Il Gabbiano, attraverso un programma di recupero completo, aiutiamo centinaia di persone ogni anno a risolvere il problema della dipendenza da cocaina, restituendole alle proprie famiglie libere dalle droghe.

Mettiti Subito in Contatto con gli Operatori del Centro Disintossicazione da Cocaina Narconon Gabbiano, Sapranno Offrirti la Miglior Soluzione Possibile al Tuo Problema