Cocaina e GravidanzaCocaina e gravidanza rappresentano un binomio molto pericoloso, perchè gli effetti causati da questa droga si ripercuotono non solo sulla futura mamma, ma anche sul nascituro

Ultimamente si è riscontrato un significativo aumento del consumo di cocaina durante la gravidanza.

Sono di conseguenza aumentati l'interesse e gli studi relativi alle alterazioni prodotte da questa sostanza durante la gestazione.

La cocaina può superare la barriera placentare accumulandosi nei tessuti fetali. Questa droga, inoltre, esercita inoltre un'azione vasocostrittrice a livello dell'arteria ombelicale, riducendo il flusso sanguigno e causando gravi danni a livello fetale.

A prova di ciò, sono state fatte molte ricerche in relazione alle alterazioni comportamentali in neonati esposti in utero agli effetti della cocaina.

Neonati di madri che avevano assunto cocaina durante la gravidanza, infatti, mostravano alla nascita un peso inferiore e una minore circonferenza cranica.

Studi volti a capire quanto l'esposizione del feto alla cocaina possa causare successivamente disturbi neurocomportamentali hanno dato risultati che non possono essere sottovalutati.

In genere si è riscontrato nei neonati una ridotta capacità di interesse, una minore abilità a rispondere agli stimoli in modo appropriato, una maggiore irritabilità e una diminuzione dei riflessi.

Ulteriori ricerche finalizzate ad individuare eventuali disturbi cognitivi in questi bambini hanno evidenziato alterazioni del linguaggio e del QI (quoziente intellettivo).

Sono stati fatti alcuni studi interessanti sul rapporto tra cocaina e gravidanza. Questi hanno permesso di vedere come, in caso di assunzione di cocaina, nel feto si verifichino un maggior numero di movimenti, una maggior irritabilità e la presenza di "scatti", indipendentemente dalla dose assunta e dal tempo intercorso tra l'assunzione e l'ecografia.

I risultati di tali ricerche hanno mostrato che i bambini nati da madri cocainomani: a 3 o a 6 mesi erano più irritabili, tra il 1° e il 2° anno mostravano disturbi dell'attenzione e tra i 4 e 5 anni presentavano maggiore impulsività e minore capacità attentiva.

Di fronte ad una situazione di questo tipo, è necessario agire in modo adeguato attraverso una corretta opera di informazione che scoraggi le future mamme a fare uso di cocaina, ma è altresì importante fare subito qualcosa di concreto per aiutare tutte quelle ragazze che sono già cadute nella trappola della dipendenza da cocaina.

Mettiti Subito in Contatto con gli Operatori del Centro Disintossicazione da Cocaina Narconon Gabbiano, Sapranno Offrirti la Miglior Soluzione Possibile al Tuo Problema